Con Raffaele Palladino dalla mentalità offensiva assunto da Fiorentina, Wayne Girard scrive che l'allenatore ha fatto una scelta rischiosa ma allettante nei confronti del suo obiettivo principale, Moise Kean.

Il nuovo allenatore della Fiorentina Raffaele Palladino che ha individuato Moise Kean come obiettivo primario deve essere stata una sorpresa per molti tifosi viola. Dopotutto, l'attaccante giocherà ora nella quinta squadra della sua carriera, pur avendo solo 24 anni.

Qualche anno fa, si pensava che avrebbe potuto essere un attaccante su cui contare l'Italia, insieme al suo amico Nicolò Zaniolo, che ha fatto una giostra simile.

Sebbene sia ancora più giovane, come accennato in precedenza, la Fiorentina sembra davvero l'ultima possibilità per Kean di dimostrarsi ai massimi livelli e dare un ultimo segnale che può far parte di una speranza di rinascita azzurra. A livello di club c'è il desiderio che possa finalmente essere la soluzione dopo la crisi di Dusan Vlahovic.

Mentre Kean ha giocato solo minuti di rotazione per Juventus nella scorsa stagione, ciò è stato contrastato dal vivo interesse di Luciano Spalletti per la formazione azzurra. L'eventuale omissione di Kean dalla nazionale è un punto su cui vale la pena riflettere, vista la triste prestazione degli attaccanti italiani a Euro 2024.

Ufficiale: la Juventus conferma il compenso di Kean per l'attaccante italiano che si unisce alla Fiorentina

Quando Kean fallì uno dei tagli per le qualificazioni europee di settembre 2023, Spalletti si concentrò sulle caratteristiche necessarie alla sua squadra: “Il centravanti? In Italia ci sono centravanti e ci sono giocatori capaci di indossare questa maglia. Non ho chiamato Kean (e Scamacca) per la partita, ne ho chiamati altri tre e andrò a trovarli.

“Poi è chiaro che quello fisico ha caratteristiche ben precise, ma forse Raspadori è più bravo a partecipare al gioco di squadra. Cercheremo cose e risposte che siano complete e possano darci entrambe le cose, altrimenti cercheremo di scavalcare chi è ben calibrato su certe caratteristiche”.

Ma meno di due mesi dopo, Kean è tornato all'ovile e ha ricevuto commenti gentili da Spalletti dopo che l'Italia ha battuto Malta 4-0:

“Da esterno Kean ha fatto una grande partita… È stato bravo a marcare il suo uomo e a far sentire la sua fisicità. Mi sono congratulato con lui per la sua esibizione. Ha lottato su ogni pallone e poi è andato vicinissimo al gol”. Commenti promettenti da parte del capo.

Kean deve essersi sentito come se avesse perso l'autobus ogni fine settimana, dato che i giocatori della Next Gen impiegavano minuti preziosi che avrebbero potuto convincere Spalletti a prendere l'ultimo posto nel roster. Max Allegri sembrava preferire altre opzioni nel suo dogmatico 3-5-2. Un delicato infortunio alla tibia che lo ha tenuto fuori dai giochi da dicembre 2023 a marzo 2024 ha fatto il resto.

L'attaccante deve aver provato risentimento per come è andata l'estate per l'Italia. Gianluca Scamacca ha chiuso il torneo con zero gol e assist in quattro partite giocate, mentre Mateo Retegui e Giacomo Raspadori sembravano pesci fuor d'acqua.

Adesso è l'occasione irripetibile di farsi le ossa e guidare l'attacco della Fiorentina. Arthur Cabral, Lucas Beltrán e M'Bala Nzola hanno richiesto ingenti commissioni di trasferimento per giocare a Firenze, ma tutti sono stati incapaci di essere marcatori affidabili (anche se dovremmo mostrare pazienza con il 23enne Beltrán).

Se Kean riuscirà a trovare quella potente combinazione di serenità, fiducia e impegno, diventerà uno dei preferiti dai tifosi sotto la Curva Fiesole mentre si avvicina a quelli che potrebbero essere i migliori anni della sua carriera sia per Firenze che per l'Italia.

2 pensieri su “Kean ha avuto la possibilità di completare il lavoro incompiuto con l’Italia con il trasferimento alla Fiorentina”
  1. Complimenti ai Viola per aver ingaggiato uno dei nostri club italiani che più hanno bisogno di fare questo.

  2. Difficile immaginare che questo ragazzo faccia molto. È il simbolo del giocatore moderno con un cattivo atteggiamento.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *