Ottavi di finale di Coppa del Mondo: tre partite indimenticabili dell'Italia

Mentre i tifosi azzurri guardano gli eventi che si svolgono in Qatar senza i loro beniamini a sostenerli, Gian Carlo Rinaldi guarda indietro alle competizioni passate. Nella seconda di una serie in cinque parti ecco un trio di scontri epici tratti dagli ultimi 16 giochi delle precedenti edizioni.

Italia - Nigeria 2-1 (1994)

È stata la partita in cui Roberto Baggio ha infilato la cruna di un ago per tenere vive le speranze azzurre. La maggior parte dei tifosi guarda a home aveva già rinunciato al fantasma: un uomo a terra e un gol in meno nelle fasi finali di un epico incontro degli ottavi di finale. Ma il viaggio snervante di Arrigo Sacchi aveva ancora molti altri colpi di scena in arrivo.

Il gol che ha portato la partita ai supplementari è arrivato all'89' con Gianfranco Zola – sì, quel Gianfranco Zola – che aveva già ricevuto i suoi ordini di marcia. Andate a rivederlo e basta per convertirvi al buddismo. In mezzo a tutte le turbolenze e il caos del calcio, la Divina Coda di cavallo ha in qualche modo trovato la tranquillità e la precisione per trovare l'angolo inferiore della rete e portare l'incontro ai supplementari.

Anche allora, però, molti pensavano che l'Italia stesse solo prolungando l'agonia, ma non avevano fatto i conti con un elemento chiave che ora scorreva nelle loro vene: la fede. Nei tempi supplementari, quell'uomo Baggio ha mostrato ancora una volta la freddezza che la maggior parte di noi poteva solo sognare di trasformare un rigore e consegnare una vittoria incredibile. È stata la prima salva della sua esplosione in un torneo che avrebbe portato la sua squadra fino alla finale. Uno sforzo incredibile, anche se il suo ultimo capitolo sarebbe amaro.

Corea del Sud - Italia 2-1 (2002)

Se vuoi far arrabbiare i tifosi italiani, anche vent'anni dopo, ti bastano due parole: Byron Moreno. L'arbitro ecuadoriano ha diretto una delle eliminazioni più controverse della storia degli azzurri. Ancora oggi, La Gazzetta Dello Sport pubblica storie sul famigerato ufficiale di gara che era in servizio per questa partita.

La squadra di Giovanni Trapattoni aveva superato la fase a gironi con una vittoria, un pareggio e una sconfitta, ma sulla carta sembrava ancora troppo forte per la nazione ospitante al Daejeon World Cup Stadium. Ma hanno intuito quanto protagonista sarebbe diventato l'arbitro quando ha concesso un rigore nei primi minuti che è stato parato da Gigi Buffon. Ciononostante, Bobo Vieri ha calmato i nervi quando è andato di testa home il suo quarto gol del torneo su cross di Francesco Totti prima che fossero trascorsi 20 minuti.

Per quanto ci provassero, però, non sono riusciti a estendere il loro vantaggio e un passaggio confuso a fine partita ha permesso alla Corea del Sud di pareggiare con Seol Ki-Hyeon. La partita è arrivata ai supplementari dove è arrivata una svolta decisiva quando Totti ha ricevuto un secondo giallo per tuffo quando pensava che avrebbe dovuto subire un rigore.

Rimasti in 10 uomini, hanno comunque gestito una buona occasione che è stata fermata a causa di una dubbia chiamata di fuorigioco prima che Ahn Jung-Hwan – che all'epoca giocava in Italia con il Perugia – sferrasse il colpo mortale. Le recriminazioni sono iniziate ancor prima che la palla colpisse il fondo della rete.

Italia - Australia 1-0 (2006)

Gli azzurri sembrano fare solo scontri tesi nella prima fase a eliminazione diretta e questo è stato uno dei più spigolosi della partita. Alla fine, è stato sintetizzato da un momento chiave che avrebbe spianato la strada al sollevamento del trofeo quell'estate in Germania. Lo sguardo gelido di Francesco Totti prima del rigore decisivo rimarrà a lungo nella memoria di chiunque abbia assistito.

Gli uomini di Marcello Lippi erano nettamente favoriti per il passaggio in questa sfida, ma hanno faticato durante un incontro irritabile con lo stesso allenatore - Guus Hiddink - che aveva architettato la loro eliminazione dalla Corea del Sud quattro anni prima. È stata una partita con più golosi contrasti che occasioni da rete, ma Luca Toni ha probabilmente avuto l'occasione migliore per sbloccare la situazione prima che Marco Materazzi ricevesse un cartellino rosso dopo circa 50 minuti per rendere il compito dell'Italia molto più difficile.

Questa volta hanno tenuto i nervi saldi perché, nonostante il loro vantaggio maschile, l'Australia ha faticato a creare occasioni da rete. Quando Fabio Grosso ha visto l'opportunità di inciampare sul corpo prono di Lucas Neill nei minuti di recupero, non l'ha lasciata passare e gli è stato assegnato un rigore, che sembrava richiedere una vita. Solo Totti è riuscito a guardare mentre si trasformava freddamente per mantenere la sua squadra sulla buona strada per alzare il trofeo. È stato un colpo al cuore per i Socceroos ma una vera delizia per gli azzurri.

@ginker

6 commenti su “Ottavi di finale di Coppa del Mondo: tre partite indimenticabili dell'Italia”

  1. Pensare che nel 2002 ragazzi come Del Piero, Totti, Nesta, Gattuso, Inzaghi, Vieri, Zambrotta, Maldini ecc. erano tutti nel fiore degli anni. È stata sicuramente la partita più scandalosa che abbia mai visto in vita mia e l'Italia probabilmente sarebbe potuta arrivare fino in finale. L'errore più grande è stato escludere Baggio da quel Mondiale. Quello sarebbe stato il suo torneo finale. Totti e Del Piero messi insieme non sono riusciti ad allacciare le scarpe a Baggio. Baggio è stato sempre fregato a livello internazionale da allenatori assolutamente ridicoli. Immagina di fregare Messi o Ronaldo. Non aveva senso..

  2. quella partita del 2002 è stata francamente scioccante, alcune delle decisioni che sono andate contro l'italia sono state francamente scandalose.

    ancora, quando penso all'italia, penso ai festeggiamenti grossolani dopo aver segnato contro la germania in semifinale o pirlo che ha fatto sembrare Hart un pagliaccio completo ai calci di rigore negli euro o alla semifinale contro la spagna degli euro 2020 partite così ad alta intensità.

I commenti sono chiusi.