Grosso, l'improbabile eroe italiano della Coppa del Mondo 2006

Oggi è il 45° compleanno dell'ex terzino del Palermo Fabio Grosso, diventato un improbabile eroe in Italia per il suo lavoro ai Mondiali del 2006.

Il terzino sinistro italiano è stato un'inclusione abbastanza discreta nella rosa di Marcello Lippi per la Coppa del Mondo in Germania, essendo uno dei quattro giocatori del Palermo a fare il taglio dopo una stagione di Serie A 2005-06 positiva.

Grosso aveva collezionato 17 presenze prima del torneo e non ci si aspettava che giocasse un ruolo importante ai Mondiali, essendo un terzino affidabile ma relativamente poco entusiasmante. Appena cinque anni prima della sua esplosione sulla scena mondiale, il terzino sinistro italiano aveva giocato con il Chieti in Serie C.

Al torneo in Germania, Grosso è diventato l'improbabile eroe italiano. Giocando tutte le partite della fase a gironi della Coppa del Mondo tranne una, ha notoriamente segnato il gol della vittoria per gli Azzurri negli ultimi minuti della loro semifinale di successo contro i padroni di casa, festeggiando con una corsa ormai iconica e scuotendo la testa.

Grosso potrebbe aver pensato di aver già fatto la sua parte per l'Italia in vista della finale di Coppa del Mondo contro la Francia, ma è stato di nuovo l'eroe dopo aver infilato con sicurezza il rigore finale dei rigori, confermando la vittoria degli Azzurri a Berlino.

3 commenti su “Grosso, l'improbabile eroe italiano dei Mondiali 2006”

I commenti sono chiusi.